YouTube rimuove i “non mi piace”. Ecco come favorisce il politicamente corretto

youtube-rimuove-i-“non-mi-piace”.-ecco-come-favorisce-il-politicamente-corretto

Roma, 19 nov — L’amministratore delegato di YouTube, Susan Wojcicki, ha annunciato mercoledì scorso che la piattaforma di condivisione video più famosa al mondo rimuoverà del tutto i “non mi piace” dalla vista pubblica con l’intenzione di “proteggere meglio i nostri creatori dalle molestie e ridurre gli attacchi di dislike”.

YouTube oscura i “non mi piace”

YouTube Creator, il canale ufficiale della piattaforma, ha dedicato un video a questa decisione dove si sostiene quanto segue: “Nel corso del 2021, YouTube ha effettuato un esperimento rendendo privato il conteggio dei ‘Non mi piace’, per verificare se così facendo se ne sarebbe ridotto il numero complessivo. Lo studio condotto a luglio ha confermato la riduzione. Quindi, procederemo a rendere privato il conteggio dei Non mi piace (sebbene il pulsante rimarrà visibile). Gli spettatori potranno comunque mettere non mi piace ai video, in modo da ottimizzare i consigli personali, tuttavia non ne potranno vedere il conteggio totale, che sarà riservato ai creator all’interno di YouTube Studio.” Il video ha totalizzato più di un milione e mezzo di visualizzazioni in pochi giorni. Riscontrabili solo i “mi piace”, come promesso.

L’ilarità, spesso più pungente di interi articoli pensosi, si diffonde tra i commenti, al momento ancora concessi, come quello dell’utente “TheMisterEpic”, il quale sostiene: “Un altro cambiamento stupido e non necessario che danneggia solo i veri creatori su questa piattaforma. YouTube è così fuori dal mondo che è sorprendente”. Ventottomila “mi piace” per lui. Ben quattordicimila in più dello stesso video, cosa che, a rigor di logica e intuizione, ci porta a stimare il quantitativo di pollici in giù per questa decisione.

Algoritimi, shadowbanning, deplatforming e censura

Gli strumenti nelle mani di queste enormi corporate (Google è proprietaria di YouTube) sono innumerevoli e raffinati nella loro applicazione i quali, molto spesso, sembrano prendere di mira soprattutto determinati contenuti, solitamente critici rispetto alla narrativa dominante, rispetto ad altri, indipendentemente dalle regole contenute negli standard community lines. Alla gente non piacevano le cose che non gli piacevano, e questo non va bene.

La dinamica scientifica dei “mi piace” è uno dei punti cardini dei social network e YouTube non fa eccezione: moneta sonante, indice di (supposto) gradimento, barometro della popolarità e, soprattutto, principale strumento da noi fornito per aiutare le Big Tech a capire sempre più dettagli di noi. Qualcuno diceva: “se è gratis il prodotto sei tu”, la verità è che non siamo il prodotto ma bassa, anzi bassissima, manovalanza al costante servizio dell’oligopolio digitale. E’ una dura legge quella della popolarità sui social che però può prendere pieghe inaspettate e far pensare quanto certi standard valgano solo quando questi mantengono una determinata narrativa o, al massimo, non la danneggino platealmente.

Da YouTube spariscono anche i “non mi piace” a Biden

Per farsi un’idea si veda la cancellazione, a primavera scorsa, da parte di YouTube, di ben due milioni e mezzo di “non mi piace” ai video del canale della Casa Bianca e del presidente Joe Biden. Chiunque avesse dato un’occhiata ai video pubblicati sul canale ufficiale della White House negli ultimi mesi, avrebbe notato tassi di disapprovazione capaci di raggiungere il 99%! Hacker russi? Pirati iraniani? Pericolosi reazionari nostrani? Chi può saperlo. Ciò che conta è che i “mi piace” non sono stati toccati, perché pare ovvio che anche eventuali bot possono essere più uguali di altri bot.

Nonostante ciò, sia la maggioranza dei video in cui compare il presidente degli Stati Uniti, che altre clip di estrema attualità e sensibilità, come ad esempio quelle sul Covid e le recenti decisioni politiche ufficiali per contenere l’epidemia , o tante altre di matrice turbo progressista, sentenziano la schiacciante vittoria dei “non mi piace” sui “mi piace”.
Se poi si considera che la possibilità, da parte di chi carica un video, di togliere i pulsanti “mi piace/non mi piace” o di permettere i commenti c’è sempre stata, la cosa assume tratti grotteschi. Com’era quel detto andreottiano? A pensar male si fa peccato ma spesso si indovina?

I “non mi piace” vincono quando il video su YouTube è politicamente corretto 










youtube

 

Valerio Savioli

 

L’articolo YouTube rimuove i “non mi piace”. Ecco come favorisce il politicamente corretto proviene da Il Primato Nazionale.