wimbledon-e-gia-storia

Wimbledon è già storia

Maria Catalano Fiore

Una testimonianza molto particolare di Lea Pericoli, forse la più grande tennista italiana, la donna che ha fatto appassionare al gioco del tennis tutti indistintamente non fosse altro che per le sue straordinarie mutandine di pizzo sotto il gonnellino.

lo stile indiscusso di Lea Pericoli

Lea Pericoli, ex tennista, conduttrice televisiva, giornalista e scrittrice (n. 1935) è soprannominata “la Divina” per la sua eleganza e la lunga carriera dal 1958 al 1975. Ha vinto 25 titoli internazionali.

Questo lo stralcio di un articolo scritto per “Il Giornale” il 15 giugno 1976.

“Adriano Panatta ha vinto il Roland Garros eguagliando le imprese di un altro notissimo campione italiano: Nicola Pietrangeli. Ma era più forte Pietrangeli o più bravo Panatta? Un discorso difficile da fare. Pietrangeli e Panatta sono due giocatori totalmente diversi, che ho ammirato nello stesso modo. Ogni tanto loro stessi discutono su chi dei due vada considerato più forte. Intervistando, a Stoccolma uno dei giocatori più grandi al mondo, Jack Kramer, questi sostiene che se un giocatore a 40 anni riesce ad essere uno dei più bravi, vuol dire che i giocatori di un tempo erano tutti validi, ma che i giocatori non possono essere sempre in forma per il gran numero di Tornei ai quali partecipano. Neppure il computer più perfetto troverebbe la risposta a questo quesito. Si potrebbe ammirare il leggendario rovescio di Nicola (Pietrangeli), nell’altra lo strepitoso servizio di Panatta.

Adriano Panatta, classe 1950, assolutamente in forma, Il bel playboy del tennis italiano per i suoi 70 anni nel 2020 si è regalato un nuovo matrimonio dopo 7 anni di convivenza. Ha scritto la Storia del costume e del tennis italiano.

I tuffi di Adriano e il coraggio di aggredire i suoi avversari nei momenti disperati.

Nicola Pietrangeli (n.1933) tennista, attore, conduttore ed opinionista è considerato il più grande tennista di sempre. La sua una carriera eccezionale legata anche ad una immagine assolutamente elegante.

Il fisico assolutamente incredibile di Pietrangeli e la sua volontà di ferro. Dovendo immaginare un “match” tra Pietrangeli e Panatta al culmine della loro carriera direi che sarebbe una grandissima partita.”

Matteo Berrettini, giudicato in modo ottimale sia da Pietrangeli che da Panatta.

Il testimone di campione italiano di Tennis è ora di Matteo Berrettini, romano classe 1996, il suo servizio è uno dei migliori del circuito. Come andrà? Sicuramente bene, comunque vada, la serata dell’11 luglio 2021 sarà memorabile per tutto il Paese.

Per commenti, precisazioni ed interventi potete utilizzare il “Lascia un commento” a piè dell’articolo, o scrivere alle e-mail info@lavocenews.it della redazione o direttore@lavocenews.it, per seguirci su Facebook potete mettere cortesemente il “mi piace” sulla pagina La Voce News o iscrivervi al gruppo lavocenews.it grazie.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *