silvia,-infermiera:-“le-rsa-costrette-ad-assumere-dall'estero,-se-pagassero-bene-ci-lavoreremmo-in-massa”.

Silvia, Infermiera: “le RSA costrette ad assumere dall'estero, se pagassero bene ci lavoreremmo in massa”.

Ci scrive Silvia C., Infermiera di 33 anni con 10 anni di esperienza in RSA: “le strutture costrette ad assumere dall’estero, se pagassero bene ci lavoreremmo in massa; uno dei motivi per cui sono andata via”.

Carissimo Direttore,

mi chiamo Silvia C. (gradirei omettere il mio cognome) e sono una Infermiera di 33 anni con 10 anni di esperienza in varie Residenze Sanitarie Assistite (RSA) e Aziende Servizi alla Persona in Emilia Romagna.

Il problema della carenza di personale infermieristico nelle RSA pubblico/private e strutture similari, a mio avviso, è legato a tre fattori fondamentali:

  • stipendi molto più bassi rispetto a quelli di altri ambiti lavorativi privati o del Sistema Sanitario Nazionale;
  • mancanza assoluta di criteri di formazione a breve, medio e lungo termine;
  • impossibilità nei fatti di essere valorizzati o di fare carriera.

A ciò aggiungiamo ovviamente la confusione perenne tra ruolo dell’Infermiere e ruolo dell’Operatore Socio Sanitario. Basterebbe poco per rimettere tutto in regola, ma spesso si è impossibilitati a farlo perché in questi ambiti lavorativi entrano meccanismi e connivenze che spesso travalicano il rispetto e i diritti/doveri stessi del lavoratore.

Ecco perché gli Infermieri italiani preferiscono lavorare nel pubblico o in cliniche private, vengono pagati meglio, formati e valorizzati.

Ed ecco perché li si cerca ora all’estero come il pane.

Buon lavoro.

Silvia C., Infermiera

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.