Roma, il Partito gay insorge contro Pippo Franco: “E’ omofobo, non candidatelo”

roma,-il-partito-gay-insorge-contro-pippo-franco:-“e’-omofobo,-non-candidatelo”

Roma, 31 ago — Il Partito gay insorge contro la candidatura di Pippo Franco nella lista personale di Enrico Michetti, candidato sindaco per il centrodestra. Motivazione? E’ omofobo.

Per Marrazzo Pippo Franco è omofobo

Fa già ridere così, ma il partito di Marrazzo ci ha voluto ulteriormente intrattenere specificando la natura della presunta omofobia dell’amatissimo comico capitolino:   «PippoFranco, il comico, dichiarò che dall’omosessualità si guarisce con la preghiera è stato candidato al Comune di Roma da Michetti, il candidato sindaco di Meloni e Salvini, che con questa scelta conferma la linea omofoba della loro maggioranza che già conosciamo». Lo ha dichiarato Fabrizio Marrazzo, portavoce nazionale del Partito gay per i diritti Lgbt+ solidale, ambientalista e liberale, candidato Sindaco di Roma — questa la dicitura completa.

Marrazzo ci spiega la destra

Per l’occasione Marrazzo, un progressista, si mette in cattedra per spiegarci cosa significa essere di destra. «Non significa essere omofobi, basta guardare altri Paesi. Ma purtroppo in Italia la destra si vuole distinguere ancora per questo oltre che per proposte spesso illusorie ed irrealizzabili». Secondo il politico, la Capitale «non ha bisogno di personaggi famosi in Campidoglio, ma di buoni amministratori, che dalla Cultura sappiano valorizzare la Città e i propri beni anche per incrementare il turismo», incalza. «Temi sui quali Pippo Franco, ipotizzato come assessore alla Cultura, non ha alcuna esperienza».

Fate largo al Partito gay quindi, che rimprovera a Michetti di essersi fatto sfuggire «alcuni problemi che ha Roma, come il calo del fatturato delle imprese nel turismo e non solo, il ciclo dei rifiuti, i trasporti pubblici, la grave condizione in cui versano le strade della città, i diritti delle persone LGBT+ ogni giorno calpestati, ma forse preferisce “buttare tutto in caciara” e farsi due risate». E conclude: «Noi crediamo che Roma abbia bisogno di essere rilanciata, di ripartire, di cambiare passo e di diventare una città che non discrimina. Ecco perché alle prossime elezioni del 3 e 4 ottobre saremo presenti anche noi». La lista più votata al Muccassassina.

Cristina Gauri

L’articolo Roma, il Partito gay insorge contro Pippo Franco: “E’ omofobo, non candidatelo” proviene da Il Primato Nazionale.