quando-silvio-asfalto-santoro-e-travaglio

Quando Silvio asfaltò Santoro e Travaglio

“Le grandi firme come Biagi mi attaccano? Sono gelosi. L’80% dei giornalisti è di sinistra”. A tirar fuori dal Cavaliere queste dichiarazioni, passate poi alla storia dell’informazione, è nientedimeno che Boris Johnson: sì, proprio lui, il primo ministro inglese, allora direttore di ‘The Spectator’, e autore con Nicholas Farrel, editorialista de ‘La Voce di Rimini’, di un’intervista al premier Silvio Berlusconi (settembre 2003). La reazione della Federazione nazionale della stampa è furibonda, con il segretario generale, il compagno dei compagni, Paolo Serventi Longhi, che afferma che “La vera anomalia è un premier come Berlusconi: un imprenditore di scarsa tradizione familiare, i cui interessi sono diventati il punto centrale del suo esecutivo”. Frasi che simboleggiano cos’è stato per tanti anni il presidente di Forza Italia per la gran parte dei media, cioè per il sistema giornalistico di sinistra: un nemico da abbattere.

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO SU CULTURAIDENTITA’ IN EDICOLA, OPPURE ABBONATI: LO RICEVERAI A CASA

L’articolo Quando Silvio asfaltò Santoro e Travaglio proviene da CulturaIdentità.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *