prime-risposte-con-l’autopsia-sulla-piccola-diana-e-situazione-per-alessia-pifferi-che-peggiora

Prime risposte con l’autopsia sulla piccola Diana e situazione per Alessia Pifferi che peggiora

Arrivano proprio in queste ore, come previsto, le prime risposte dall’autopsia sulla piccola Diana. La bambina di 18 mesi morta dopo essere stata lasciata da sola a casa per sei giorni da sua madre, Alessia Pifferi, è finita al centro di un caso che per forza di cose attira l’interesse di tutti. Ampiamente prevedibile che le risposte di questa mattina non potessero essere definitive, a prescindere dal fatto che la nonna della bimba abbia già sentenziato contro la figlia. Ne abbiamo parlato nella giornata di ieri con un altro articolo.

Cosa dice l’autopsia sulla piccola Diana e come evolve la situazione per Alessia Pifferi

Allo stato attuale, quali sono le prime risposte che arrivano dall’autopsia sulla piccola Diana e come sta evolvendo in queste ore la situazione per Alessia Pifferi? Se da un lato le analisi di questa mattina non ci consegnano verdetti definitivi, a detta di Adnkronos è sempre più forte la convinzione che la bambina sia morta di stenti. Insomma, fame e sete alla base di un decesso che ha sconvolto tanti italiani in questi giorni.

Premesso questo, si attende a questo punto l’esito di ulteriori accertamenti. Diventa fondamentale concentrarsi soprattutto su quelli radiologici e tossicologici, senza dimenticare gli approfondimenti sulla boccetta di En, sul biberon e sul beccuccio. Solo a quel punto, infatti, sapremo se la piccola Diana abbia effettivamente ingerito l’ansiolitico, come sospettato fin dal primo momento successivo al ritrovamento del corpo privo di vita.

Dettaglio non secondario, a margine dell’autopsia, in questo risposte affermative a questi quesiti andrebbero a peggiorare ulteriormente il quadro accusatorio per Alessia Pifferi, aprendo ufficialmente la strada all’ipotesi della premeditazione. Insomma, al di là del fatto che tutti ormai conosciamo l’esito di una storia orribile, l’autopsia sulla piccola diana è importante perché determinerà l’accusa nei confronti della donna. Il tutto, in vista del processo dei prossimi mesi.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

ATTENZIONE – L’articolo verrà successivamente completato con un FACT-CHECKING COMPLETO, ma per ora presenta un TAG PROVVISORIO con le informazioni fino ad ora raccolte per bloccare la viralità di eventuali bufale. La metodologia è spiegata nella seguente sezione: https://www.bufale.net/fact-checking-prearticoli

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.