non-ne-puo-piu-malika-ayane:-ce-l’hanno-con-malika-chalhy,-ma-scrivono-a-lei

Non ne può più Malika Ayane: ce l’hanno con Malika Chalhy, ma scrivono a lei

Sta circolando in queste ore lo screenshot di Malika Ayane, in riferimento ad un post social in cui la nota cantante si è arrabbiata coi tanti analfabeti funzionali che in questi giorni l’hanno confusa con Malika Chalhy. Quest’ultima, infatti, è la ragazza lesbica che ha utilizzato parte della raccolta fonti a lei destinata per rifarsi una vita, acquistato una Mercedes. La vicenda è stata analizzata in settimana da Selvaggia Lucarelli, le cui domande hanno effettivamente messo in difficoltà la giovane.

Neppure la difesa ufficiale e pubblica di oggi 1 luglio, pervenuta dall’account Instagram di Malika Chalhy, è stata sufficiente per calmare le acque. Come del resto avevamo previsto in giornata con un primo articolo. A testimonianza del fatto che in tanti si stiano scagliando contro di lei, è arrivata in serata la presa di posizione da parte di Malika Ayane. Diversi haters, evidentemente, non riescono a distinguere le due persone, nonostante i rispettivi cognomi siano differenti.

Cosa ha detto Malika Ayane agli haters di Malika Chalhy dopo il caso Mercedes

Per farvela breve, come si percepisce anche dal tweet di Malika Ayane, la cantante ha dovuto precisare pubblicamente di non essere la ragazza che in tanti stanno cercando per sfogare la propria frustrazione. Effettivamente, è incredibile che nel 2021 si riscontrino ancora situazioni del genere. Sia in riferimento al fatto che tali soggetti stiano andando a cercare (virtualmente) Malika Chalhy dopo il caso Mercedes, sia che la confondano facilmente con Malika Ayane.

Dal nostro punto di vista, considerando anche le numerose richieste che ci sono arrivate in queste ore, non possiamo fare altro che confermare l’autenticità del tweet di Malika Ayane. Troppi analfabeti funzionali, che non riescono neppure a contattare la persona giusta nel momento in cui ritengono giusto arrabbiarsi con qualcuno. Vedremo quali saranno i prossimi sviluppi della vicenda.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *