messina,-grande-successo-per-l'expo-oliveri-2022-|-foto

Messina, grande successo per l'Expo Oliveri 2022 | FOTO

L’Expo Oliveri 2022 ha garantito 31 giornate di lavoro e di visibilità per le centinaia di commercianti posizionate nel perimetro del Campo sportivo

Le novità del 2023 non possono trascurare le risorse aziendale siciliane che si evolvono e devono indagare sulla domanda del mercato, commisurarsi con questa e rispettarla. Una volta sorpassate le 400mila unità in visita, si deve considerare il grande carisma naturale della manifestazione e lo spirito di libertà con cui le persone hanno privilegiato un ambiente a misura di famiglia. Un proverbio popolare dice che “Il sole bacia i belli” e Charles Bukowski lo sdrammatizza anche nel titolo di un suo libro.

E noi diciamo che “il sole ha baciato la Fiera regionale di Oliveri – la più interessante e ricca di Sicilia”, che ha pescato molteplici talenti tra gli artigiani di varie branche e ha reso a loro un servizio di utilità per una ripartenza di negoziazione fieristica e anche ai destinatari residenti e in vacanza dal 1° al 31 agosto. Espressioni commerciali virtuose da tutta Italia e anche straniere hanno orchestrato all’unisono una “performance” che ha avuto l’attenzione e la lode di un parterre connazionale ed estero.

Il carisma naturale da attribuire a tutto il contenitore trova sfogo e simbiosi nella programmazione logistica. L’Expo Oliveri 2022 si è chiusa dopo aver affrontato il mese estivo più caotico nel campo sportivo, ben gestito sotto ogni aspetto e non solo nella fascia d’apertura cancelli ore 19:00 – 01:00 (ospitalità, allestimento stand, cordialità, attrezzature, pubblica sicurezza) e ha impreziosito la cittadina balneare del versante tirrenico di Messina ampliando sempre più la forbice del turismo. L’indice di gradimento di una manifestazione, dove non si paga biglietto d’ingresso, si misura comunque dagli agglomerati di presenze davanti agli espositori, dai tour interminabili davanti ai punti di ristoro per tutti i gusti tra i prodotti tipici del Food e del bere ed ovviamente dal volume delle vendite, su cui le attività si sono dichiarate in modo quasi esterrefatto, con toni magnifici e a formula piena. La soglia di 400mila unità in visita del 2019 è stata sorpassata, considerando che nella sola settimana di Ferragosto la fruizione dei turisti si è raddoppiata fino a circa 100mila.

L’apparato organizzativo di “Eurofiere” che porta la firma di Giusy D’Amico e famiglia ha raffigurato un piano di rifioritura di queste aziende che si sono sentite finalmente al centro di un mondo in fermento, quello del lavoro da cui sono state strappate per tanto tempo per la pandemia, quello dei rapporti umani con la clientela interfacciandosi e ascoltando il suono delle voci e il mondo degli acquisti che agevolano l’economia, anzi sono linfa vitale.

Leggere negli sguardi delle persone la gioia di ritrovarsi anche semplicemente a fare shopping o degustare in un giocoso spazio comune è una conquista per chi ha impiantato l’evento e per il Comune stesso di Oliveri che ha offerto i comfort del caso tra ricettività alberghiera e costiera, di ristorazione aggiuntiva e di commercio. A tal proposito, Eurofiere conta di poter fare affidamento nel 2023, come quest’anno, sul contributo del patrocinio del Municipio locale e dell’Assessorato regionale alle Attività produttive.

Tra i partecipanti la convocazione di esercenti e produttori è stata realizzata seguendo i criteri qualitativi sia per la creatività della casa, dei giardini e dello stile anche nell’abbigliamento sia per appagare languori o sfizi nei percorsi culinari tra Street food e cibi più delicati e ricercati per esempio tra le attività di conserve, marmellate e creme spalmabili. I tagli di carne messinese si sono mischiati allo stand della porchetta di Ariccia, tutto servito in panini corposi da mangiare voracemente e concludere con il dessert a base di pistacchio di Bronte o con la frutta secca dei fratelli di Castroreale. Tra Palermo, Adrano (CT) ed Enna il passo è breve, se si voleva optare per l’aperitivo a base di melagrana abbinato alle olive o per farsi la bocca dolce con le creme di nocciola e cioccolato bianco. Gli artisti ceramisti o i loro venditori di tipiche opere che vengono richieste e distribuite a livello internazionale o ancora l’artista del marmo con preziosi soprammobili hanno incorniciato la maestria del comprensorio peloritano e della provincia catanese. Ma non dimentichiamo la Calabria con i prodotti di salumificio piccanti, la Campania con i gioielli in corallo e la Lombardia con altri monili e incisioni.

Ognuno con la sua esperienza e formazione ha elargito un pizzico di paese, di famiglia, di fatica, di tradizione e di cultura. Anche chi ha equipaggiato la zona dei divertimenti per bambini e giovani si è accattivato qualche corsa in più nella pista di Drift Kart o sulle vespine. Si prospettano per l’edizione del prossimo anno novità riguardanti sia le evoluzioni aziendali che si inquadreranno mediante studi ed indagini di mercato sia la nobilitazione di chi coltiva e tutela la terra di appartenenza.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.