maloreddus-ai-polipetti-affogati

Maloreddus ai polipetti affogati

Nonna Camilla

Nessuna cosa strana….i Maloreddus sono solo un formato di pasta, i tipici gnocchetti sardi!

E’ un formato di pasta abbastanza sfizioso, generalmente fatto a mano dalle abili donne sarde, ma noi possiamo trovarla in molti supermercati freschi o delle marche più svariate: Garofalo, Molisana, Rummo ed anche Divella.

I Maloreddus o Cavatelli sardi

Anche in Puglia ci sono i Cavatelli, ma i Maloreddus, con la loro caratteristica forma, trattengono meglio il sugo di pesce.

I Polipetti affogati sono tipici della cucina napoletana, anche se molto diffusi in tutta l’area mediterranea. Sono una variante più leggera del tipico “Polpo alla Luciana”, in questo caso i polipetti sono lasciati “Affogare” cioè cotti lentamente nella polpa di pomodoro e nella loro acqua, il che li rende particolarmente morbidi e saporiti. Una vera bontà.

Non è una ricetta difficile, occorre solo un po’ di pazienza perché, i polipetti, dopo una prima cottura a fuoco lentissimo, devono continuare a cuocere a pentola spenta, ma calda e coperta “affogandosi” appunto.

Ingredienti per 4 persone: 350 g. di Maloreddus, 800 g. circa di polipetti, 500 g. di pomodori pelati di tipo Sammarzano, un paio di spicchi d’aglio, 1 tazzina di vino bianco secco, Olio d’oliva e sale q.b., prezzemolo fresco tritato, peperoncino piccante (se lo gradite).

Pulite i polipetti eliminando gli occhi e le interiora (fatelo fare in pescheria). Ponete l’olio in un bel tegame basso e largo (di creta sarebbe meglio) con l’aglio schiacciato (da eliminare dopo) fate imbiondire e poi aggiungete i polipetti, questi si restringeranno un po’ emettendo del liquido, nessun problema, sfumateli con il vino bianco secco aggiungete i pelati e metà del prezzemolo fresco. Rigirate bene e fate andare per 20/30 minuti, coperti da fuoco bassissimo. Spegnete, aggiungete il resto del prezzemolo e aggiustate di sale, se occorre. Lasciate riposare per una mezz’ora e poi togliete i polipetti dal sugo mettendoli in un piatto di portata.

Polipetti affogati con linguine

A questo punto mettete a bollire l’acqua per la pasta. Che siano Maloreddus, cavatelli, spaghetti o linguine, dipende dalle preferenze. Scolate la pasta, al dente, direttamente nel sugo, lasciate mantecare, rigirando, un minuto e quindi potete servire guarnendo il piatto con un polipetto.

Avrete così un buon primo, molto gustoso ed un ottimo secondo, parola di Nonna Camilla.

Per commenti, precisazioni ed interventi potete utilizzare il “Lascia un commento” a piè dell’articolo, o scrivere alle e-mail info@lavocenews.it della redazione o direttore@lavocenews.it, per seguirci su Facebook potete mettere cortesemente il “mi piace” sulla pagina La Voce News o iscrivervi al gruppo lavocenews.it grazie

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *