in-australia-ritirate-decine-di-migliaia-di-multe-inflitte-ai-cittadini-durante-la-pandemia

In Australia ritirate decine di migliaia di multe inflitte ai cittadini durante la pandemia




Roma, 29 nov – Mentre in Cina infiammano le proteste e la repressione per le imposizioni Covid-Zero del governo socialista, più di 33.000 multe Covid saranno ritirate o rimborsate nello stato più popoloso dell’Australia, dopo che un tribunale le ha ritenute non valide. Come si ricorderà, durante la pandemia gli stati australiani avevano imposto le più rigide restrizioni che includevano limiti a viaggi e spostamenti fuori casa, con divieti di viaggiare da uno stato all’altro. Il governo federale aveva anche vietato i viaggi internazionali per quasi due anni. Oggi, però, sembra che la magistratura australiana abbia riconsegnato ai cittadini i propri diritti.

Multe ingiuste con motivazioni “troppo vaghe”

Il giudice che presiede la discussa causa contro le restrizioni governative, dovrebbe rilasciare la sentenza completa nei prossimi giorni. Un gruppo di difesa legale australiano, il Redfern Legal Center (RLC), ha contestato migliaia di multe, inflitte ai cittadini ai tempi della pandemia, sulla base del fatto che erano “troppo vaghe”. Le multe per “mancato rispetto delle restrizioni” erano state emesse per una serie di presunti reati, dagli spostamenti condivisi in auto, fino alla partecipazione ai raduni pubblici. Le ammende andavano da mille a 3.000 dollari circa.

Ritirate 31.121 multe

Gli avvocati del governo hanno ammesso che le multe non soddisfacevano i requisiti legali presso la Corte Suprema del New South Wales. Poco dopo che la decisione è stata emessa, il Commissario per l’amministrazione delle multe ha ritirato 31.121 delle 62.138 multe inflitte ai cittadini. In una dichiarazione, Revenue NSW, il servizio governativo di pagamento delle sanzioni, ha affermato di aver dato la “priorità alla salute e alla sicurezza dei residenti durante la pandemia”. Tuttavia, pur affermando che ritirerà le multe per “mancato rispetto”, ha aggiunto che la decisione “non significa che i reati non siano stati commessi”.

Rivendicare i propri diritti anche durante la pandemia

Prima della sentenza, l’avvocato del centro legale, Samantha Lee, ha affermato che “questo caso riguarda qualcosa di più delle multe di due persone”. “Riguarda la necessità di aderire adeguatamente allo stato di diritto, anche durante una pandemia“. Il RLC ha anche affermato che le multe sono state emesse in modo sproporzionato a persone che vivono in aree più povere, affermando che le statistiche “mostrano che la maggior parte delle multe per Covid-19 sono state emesse a coloro che risiedono in aree a basso livello socioeconomico e aree con un’ampia percentuale di popolazioni delle Prime Nazioni”, come gli aborigeni. Una revisione indipendente sulla risposta dell’Australia alla pandemia di COVID-19 ha rilevato che donne, bambini e persone con disabilità – tra gli altri – “hanno sopportato il peso maggiore”.

Andrea Bonazza

Ti è piaciuto l’articolo?

Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.

Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.

Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *