il-mercenario-ucraino-miliardario:-le-fonti-russe-hanno-annesso-l'afganistan

Il mercenario Ucraino miliardario: le fonti russe hanno annesso l'Afganistan

La foto del mercenario Ucraino miliardario, secondo un account col simbolo della “Z” filorussa dovrebbe dimostrare che i “mercenari Ucraini combattono solo per soldi e poi fanno i miliardari a Dubai”.

Dimostra invece che le #fontirusse, quando ci si mettono, non perdono tempo. E nel fantastico mondo filorusso della Z e delle “notizie senza censura” non solo i Russi sono eroici paladini senza paura che ogni giorni combattono cattivi da fumetto per noi.

Non solo sono gli eroici figli di Stalin e Putin che combattono le forze naziste dell’Uomo Pangolino e il suo esercito di plurivaccinati mutanti, invincibili guerrieri come i “Nuovi Eroi” di Van Damme che con ogni dose di vaccino Pfizer diventano sempre più nazisti e superpotenti, carichi di un livore che li spinge ad inseguire camionette di corsa e sorpassarle a piedi, rovesciare carri armati a mani nude e spaccarli come se fossero fatti di cartone per trucidare i figli dell’Armata Rossa.

Non solo devono combattere ogni giorno eserciti di stregoni che conoscono “le rune naziebraiche della Magia di Hollwood” come tanti Dottor Strange con i loro amici “Uomini Occidentali”, tipo Capitan America.

Ma, a quanto pare, scopriamo che la Russia non solo ha annesso l’Ucraina con un referendum disconosciuto, ma si è anche presa l’Afganistan.

Il mercenario Ucraino miliardario: le fonti russe hanno annesso l'Afganistan

Il mercenario Ucraino miliardario: le fonti russe hanno annesso l’Afganistan

La fonte della foto è infatti un post Reddit del 2016, dove lo sfondo viene correttamente indicato essere l’Afganistan, ma il soldato viene incorrettamente individuato come un militare americano.

In realtà, come si vede dalle mostrine, si tratta di un milite Australiano: in ogni caso quella sullo sfondo non è certo l’Ucraina di inverno.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *