guerra-in-ucraina,-una-donna-truccata-da-vittima-per-“operazioni-psicologiche”?-no,-sono-foto-datate

Guerra in Ucraina, una donna truccata da vittima per “operazioni psicologiche”? No, sono foto datate

Dallo scoppio della guerra in Ucraina dopo l’invasione della Russia del 24 febbraio 2022, tanti utenti sui social sostengono che in realtà non esista alcun conflitto e che, in alcuni casi, le vittime siano soltanto degli attori.

In altre occasioni abbiamo parlato di “finti cadaveri”, il tutto presentato secondo contenuti estrapolati dal loro contesto per creare vere e proprie fake news. Oggi i nostri lettori ci segnalano alcune fotografie nelle quali si vedrebbe il momento del trucco di un’attrice assoldata per interpretare una donna ferita.

I post

I post mostrano una ragazza in abiti militari intenta a truccare un’altra ragazza che, nel quarto fotogramma, vediamo sdraiata come se fosse ferita.

Su Twitter scrivono: “Zelensky criminale di guerra”, e il post è stato ripreso anche da utenti italiani che su Facebook commentano:

Giornalisti e tv …Cronache della galleria nel telefono di un dipendente del centro ucraino per le informazioni e le operazioni psicologiche. ЦИПСO

ЦИПСO sta per Tipso, il Centro ucraino di informazioni e operazioni psicologiche. Secondo gli utenti italiani, quindi, queste foto arriverebbero dal dispositivo di un collaboratore della Tipso, quindi proverebbero che la guerra in Ucraina sia tutta una farsa.

La fonte

Come abbiamo visto, questo tipo di narrazione arriva da acque internazionali. Per questo motivo se ne sono occupati anche i colleghi tedeschi di Myth Detector che hanno scoperto che la ragazza con i capelli russi risponde al nome di Liudmyla Bileka, un medico specializzato nelle operazioni di guerra impegnato con l’organizzazione TacCat.

La stessa Bileka ha pubblicato una delle foto sul suo profilo Instagram nel 2016, e il post è ancora presente a questo indirizzo.

Semplicemente, l’organizzazione si occupa di corsi di primo soccorso e per questo motivo ricorre sia a manichini che a persone che vengono truccate appositamente per le simulazioni.

Quindi?

Siamo di fronte a una serie di scatti del 2016, documentati dalla dottoressa Liudmyla Bileka per l’organizzazione TacCat che si occupa di soccorso nei territori di guerra. Niente a che vedere, quindi, con Tipso, né alcun contenuto è stato leakato dai dispositivi di un dipendente. Non si tratta, per concludere, di una prova del fatto che la guerra in Ucraina sia una messinscena.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *