google-segnala-i-temi-inaffidabili-o-in-rapido-cambiamento:-lotta-alle-fake-news

Google segnala i temi inaffidabili o in rapido cambiamento: lotta alle fake news

Google segnala i temi inaffidabili o in rapido cambiamento è la novità del momento. Novità ampiamente prevedibile, peraltro.

Avevamo già visto in passato Google demonetizzare video legati al mondo del complotto (il complottista continua a caricare i video, ma non riceve soldi per la sua “opera”). Operazione questa, generalmente, idonea a far urlare alla censura centinaia di complottisti tuttosommato lasciati liberi di spargere le loro fake news, ma di tasca propria.

E abbiamo già visto Google inserire richiami alle ricerche di fact checkers indipendenti.

Il passo successivo? Avvisare gli utenti quando la forte disinformazione sul tema o l’estrema novità (o una combinazione di entrambi) rende impossibile avere una risposta accurata.

O quando la presenza di entrambi gli elementi trasforma la ricerca di informazioni in ricerca di fake news.

Ovviamente Google non può e non vuole “censurare le notizie” come direbbero i nostri amici complottisti.

Si limita a ricordare all’utente medio quello che dovrebbe già sapere: solitamente un testo con la premessa

“La notizia è su Internet: quindi non c’è ragione di ritenere che non sia vera”

è raramente vera

Google segnala i temi inaffidabili o in rapido cambiamento: lotta alle fake news

Inizialmente la novità coinvolgerà solamente alcuni “trending topic”, ovvero “notizie calde” ed è apparsa su ricerche in lingua inglese.

Lo scopo finale è ricordare, come dichiara il portavoce della compagnia che

“Quando qualcuno cerca qualcosa su Google, si cerca di mostrare le informazioni più rilevanti e affidabili. Ma molte di loro sono completamente nuove”

L’esempio usato per spiegare una funzione, è la nuova isteria UFO, ma la funzione non si limiterà a questo.

First time I’ve seen this response from Google Search. Positive step to communicating that something is newsy/breaking (my search was for a breaking culture war story), and highlighting that facts are not all known or consensus on what happened is still being formed. pic.twitter.com/kdv4OAHRlw

— Renee DiResta (@noUpside) June 23, 2021

In fondo già Twitter segnalava le Fake news senza rimuoverle, come abbiamo scoperto durante le elezioni USA.

E molti post Facebook dei nostri “cari” complottisti sono flaggati da appositi segnalini col fact checking che suscitano in loro reazioni scomposti e la risibile tentazione di sfuggire alle loro responsabilità bloccando i fact checker e storpiando le parole topic del momento.

Come faranno adesso che è lo stesso Google a ricordare l’ovvio, ovvero che non basta aprirsi un blog e scrivere cose per avere la “patente magica di veridicità”, ma quello che scrivi è vero quanto la verità di quello che contiene?

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *