giornalista-americano-muore-durante-argentina-olanda-dei-mondiali,-il-giallo-sul-malore-fatale-per-grant wahl:-“e-stato-ucciso”-–-il-riformista

Giornalista americano muore durante Argentina-Olanda dei Mondiali, il giallo sul malore fatale per Grant Wahl: “È stato ucciso” – Il Riformista

Il reporter era all’ottavo Mondiale

Redazione — 10 Dicembre 2022

Giornalista americano muore durante Argentina-Olanda dei Mondiali, il giallo sul malore fatale per Grant Wahl: “È stato ucciso”

Morto a 48 anni, accasciatosi a terra mentre stava seguendo per la Cbs la partita tra Argentina e Olanda ai Mondiali in Qatar, il quarto di finale vinto dall’albiceleste di Messi ai rigori.

È deceduto così Grant Wahl, veterano dei cronisti statunitensi al suo ottavo mondiale di calcio. Secondo quanto emerso, Wahl sarebbe crollato nella sala stampa dello stadio Lusail mentre la partita volgeva al termine, già ai supplementari.

Al giornalista è stato praticato un soccorso d’urgenza sul posto prima di portarlo via in barella, ma un attacco di cuore, secondo il quotidiano americano The Wall Street Journal, sarebbe stato fatale col decesso dopo il trasferimento all’Hamad General Hospital.

Tesi a cui non crede Eric Wahl, fratello del giornalista, che su Instagram con un video in lacrime accusa: “Mio fratello era sano. Mi ha detto di avere ricevuto minacce di morte. Non credo che sia appena morto, penso che sia stato ucciso“.

This is a video posted to the Instagram account of Eric Wahl, saying that he is Grant Wahl’s brother.

In the video, he said he is the reason Grant wore the rainbow shirt to the World Cup & that he believes Grant was killed. (Instagram: @eewahl) pic.twitter.com/krOoXuSjVc

— Jeanna Trotman (@JeannaTrotmanTV) December 10, 2022

Parole pesanti che si riferiscono ai problemi avuti dal fratello in Qatar. Nei giorni scorsi il reporter di Cbs Sports era stato fermato dalle autorità di Doha, ‘colpevole’ di indossare una t-shirt arcobaleno a sostegno dei diritti Lgbtq. Wahl era stato ‘trattenuto’ per 40  minuti all’Ahmed Bin ali Stadium di Al Rayyan dal personale della sicurezza qatariota in occasione del match tra Stati Uniti e Galles del 21 novembre, salvo poi essere rilasciato con tanto di scuse dalla FIFA.

Nei giorni scorsi il reporter aveva anche lamentato dei problemi fisici, partendo per il Qatar già affetto da un raffreddore. Problemi che lo aveva spinto a rivolgersi all’ambulatorio del centro stampa credendo di avere una bronchite, dopo aver escluso il Covid grazie ad un test.  “Non ho il Covid (mi faccio tamponi regolari), ma mi hanno detto che probabilmente ho una bronchite“, aveva raccontato, vedendosi somministrato dai medici uno sciroppo per la tosse e ibuprofene. “Non è il mio primo mondiale – aveva raccontato sulla sua newsletter – Ne ho fatti otto … e mi sono ammalato ogni volta, si tratta solo di trovare un modo per portare a termine il proprio lavoro”.

Sulla morte di Wahl è intervenuto anche il portavoce del dipartimento di Stato americano, Ned Price, che ha detto di essere “in stretto contatto” con la famiglia del giornalista.

Redazione

© Riproduzione riservata

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *