formaldeide-un-gas-da-gestire-con-parsimonia-e-oculatezza.

Formaldeide. Un gas da gestire con parsimonia e oculatezza.

La formaldeide è un gas incolore e dall’odore intenso utilizzato nella fabbricazione di materiali da costruzione e molti prodotti per la casa.

La Formaldeide viene utilizzata in prodotti di legno pressato, come pannelli di particelle, compensato e fibra di legno; colle e adesivi; tessuti a pressatura permanente; rivestimenti in prodotti di carta; e alcuni materiali isolanti. Viene anche usato per produrre altri prodotti chimici.

La formaldeide viene scomposta rapidamente nell’aria, generalmente entro poche ore. Si dissolve facilmente in acqua, ma non dura a lungo neanche lì.

Quando disciolto in acqua si chiama formalina, che è comunemente usata come disinfettante industriale e come conservante nelle pompe funebri e nei laboratori medici. Può anche essere usato come conservante in alcuni alimenti e in prodotti, come antisettici, medicinali e cosmetici. A volte, sebbene la formaldeide non venga utilizzata, lo sono le sostanze che rilasciano formaldeide. Questi sono stati trovati in cosmetici, saponi, shampoo, lozioni, creme solari e prodotti per la pulizia.

La formaldeide può essere aggiunta come conservante al cibo, ma può anche essere prodotta come risultato della cottura e dell’affumicatura.

La formaldeide è presente anche naturalmente nell’ambiente. Gli esseri umani e la maggior parte degli altri organismi viventi ne producono piccole quantità come parte dei normali processi metabolici.

Esposizione dell’uomo alla sostanza.

Il modo principale in cui le persone sono esposte alla formaldeide è l’inalazione. La forma liquida può essere assorbita attraverso la pelle. Le persone possono anche essere esposte a piccole quantità mangiando cibi o bevendo liquidi contenenti formaldeide.

La formaldeide è normalmente prodotta nel corpo. Gli enzimi nel corpo scompongono la formaldeide in formiato (acido formico), che può essere ulteriormente scomposto in anidride carbonica. La maggior parte della formaldeide inalata viene scomposta dalle cellule che rivestono la bocca, il naso, la gola e le vie respiratorie, in modo che meno di un terzo venga assorbito nel sangue.

Secondo la Consumer Product Safety Commission degli Stati Uniti, la formaldeide è normalmente presente a livelli bassi (meno di 0,03 parti per milione) sia nell’aria interna che in quella esterna. I materiali contenenti formaldeide possono rilasciarla come gas o vapore nell’aria. I gas di scarico delle automobili sono una delle principali fonti di formaldeide nell’aria esterna.

Durante gli anni ’70, l’isolamento in schiuma di urea-formaldeide (UFFI) è stato utilizzato in molte case. Ma ormai poche case sono isolate con l’UFFI. È improbabile che le case in cui è stato installato UFFI molti anni fa abbiano livelli elevati di formaldeide ora.

I prodotti in legno pressato contenenti resine di formaldeide sono spesso una fonte di formaldeide nelle case. L’uso di apparecchi a combustione senza ventilazione, come stufe a gas, stufe a legna e stufe a cherosene può anche aumentare i livelli di formaldeide all’interno.

La formaldeide è anche un componente del fumo di tabacco e sia i fumatori che coloro che respirano il fumo passivo sono esposti a livelli più elevati di formaldeide. Uno studio ha rilevato livelli molto più elevati di formaldeide legata al DNA nei globuli bianchi dei fumatori rispetto ai non fumatori.

La formaldeide e altre sostanze chimiche che rilasciano formaldeide sono talvolta utilizzate a basse concentrazioni nei cosmetici e in altri prodotti per la cura personale come lozioni, shampoo, balsamo, gel doccia e alcuni smalti per unghie. Questi possono aumentare la concentrazione di formaldeide nell’aria all’interno della stanza per un breve periodo, ma i livelli raggiunti sono molto al di sotto di ciò che è considerato pericoloso.

I trattamenti professionali per lisciare i capelli alla cheratina possono contenere formaldeide o sostanze chimiche che rilasciano formaldeide. L’utilizzo di questi può aumentare le concentrazioni di formaldeide nell’aria interna a livelli che potrebbero rappresentare un potenziale pericolo.

I lavoratori delle industrie che producono formaldeide o prodotti contenenti formaldeide, i tecnici di laboratorio, alcuni professionisti sanitari e gli impiegati delle pompe funebri possono essere esposti a livelli di formaldeide più elevati rispetto al pubblico in generale. L’esposizione avviene principalmente per inalazione di gas o vapori di formaldeide dall’aria o per assorbimento di liquidi contenenti formaldeide attraverso la pelle. In un ampio studio sui lavoratori delle industrie che producono o utilizzano formaldeide, il livello medio di esposizione alla formaldeide è stato complessivamente di 0,45 parti per milione (ppm), con meno del 3% dei lavoratori che hanno percepito in media più di 2 ppm.

La formaldeide può provocare il cancro?

È stato dimostrato che l’esposizione alla formaldeide provoca il cancro negli animali da laboratorio. L’esposizione a quantità relativamente elevate di formaldeide in ambito medico e professionale è stata collegata ad alcuni tipi di cancro negli esseri umani, ma l’effetto dell’esposizione a piccole quantità è meno chiaro.

Studi in laboratorio.

Nei ratti, la formaldeide inalata era collegata a tumori della cavità nasale e leucemia. In uno studio su ratti a cui era stata somministrata acqua potabile contenente formaldeide si è verificato un aumento dei tumori allo stomaco, mentre un altro non ha mostrato alcun aumento di alcun tipo di tumore o cancro.

Nei topi, l’applicazione di una soluzione al 10% di formaldeide sulla pelle era collegata allo sviluppo più rapido di tumori causati da un’altra sostanza chimica.

Studi sulle persone.

In uno studio, l’inalazione di formaldeide a livelli a una concentrazione di 1,9 parti per milione (ppm) per 40 minuti non ha aumentato i livelli ematici di formaldeide.

Diversi studi epidemiologici su persone esposte alla formaldeide sul posto di lavoro hanno riportato un legame tra l’esposizione alla formaldeide e il cancro del rinofaringe (la parte superiore della gola), ma questo risultato non è stato osservato in altri studi. Questi studi hanno esaminato i lavoratori in ambito lavorativo che utilizzano o producono formaldeide e resine di formaldeide, nonché le persone che lavorano come imbalsamatori.

Studi su persone esposte alla formaldeide sul posto di lavoro hanno anche trovato un possibile legame con il cancro dei seni nasali.

Diversi studi hanno scoperto che imbalsamatori e professionisti medici che usano formaldeide hanno un aumentato rischio di leucemia, in particolare la leucemia mieloide. Alcuni studi su lavoratori industriali esposti alla formaldeide hanno anche riscontrato un aumento dei rischi di leucemia, ma non tutti gli studi hanno mostrato un aumento del rischio.

Gli studi che esaminano il legame tra l’esposizione sul posto di lavoro alla formaldeide e altri tipi di cancro non hanno trovato un collegamento coerente.

Uno studio ha scoperto che i lavoratori esposti alla formaldeide avevano livelli più alti del normale di alterazioni cromosomiche nei primi globuli bianchi nel loro midollo osseo. Questa scoperta supporta il possibile legame tra l’esposizione alla formaldeide e la leucemia.

Cosa dicono gli scienziati?

Diverse agenzie (nazionali e internazionali) studiano diverse sostanze nell’ambiente per determinare se possono provocare il cancro. (Una sostanza che provoca il cancro o aiuta la crescita del cancro è chiamata cancerogena.) L’American Cancer Society si rivolge a queste organizzazioni per valutare i rischi sulla base di prove provenienti da studi di ricerca di laboratorio, animali e umani.

Sulla base delle prove disponibili, alcune di queste agenzie di esperti hanno valutato il potenziale cancerogeno della formaldeide.

Il National Toxicology Program (NTP) è formato da parti di diverse agenzie governative degli Stati Uniti, tra cui il National Institutes of Health (NIH), i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) e la Food and Drug Administration (FDA). L’NTP elenca la formaldeide come “nota per essere cancerogena per l’uomo”.

L’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) fa parte dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Il suo obiettivo principale è identificare le cause del cancro. IARC ha concluso che la formaldeide è “cancerogena per l’uomo” sulla base dei maggiori rischi di cancro rinofaringeo e leucemia.

L’Environmental Protection Agency (EPA) gestisce il sistema integrato di informazione sui rischi (IRIS), un database elettronico che contiene informazioni sugli effetti sulla salute umana derivanti dall’esposizione a varie sostanze nell’ambiente. L’EPA ha classificato la formaldeide come “probabile cancerogeno per l’uomo”.

I ricercatori del National Cancer Institute hanno concluso che, sulla base dei dati di studi su persone e di ricerche di laboratorio, l’esposizione alla formaldeide può causare la leucemia, in particolare la leucemia mieloide, negli esseri umani.

La formaldeide causa altri problemi di salute?

Quando la formaldeide è presente nell’aria a livelli superiori a 0,1 parti per milione (ppm), alcune persone possono avere effetti sulla salute, come:

  • occhi pieni di lacrime;
  • sensazioni di bruciore agli occhi, al naso e alla gola;
  • tosse;
  • respiro sibilante;
  • nausea;
  • irritazione della pelle.

Alcune persone sono molto sensibili alla formaldeide, ma altre non reagiscono allo stesso livello di esposizione.

La formaldeide nei prodotti di consumo come cosmetici e lozioni può causare una reazione allergica nella pelle (dermatite allergica da contatto), che può portare a un’eruzione cutanea pruriginosa e rossa che può sollevarsi o sviluppare vesciche.

Come posso limitare la mia esposizione alla formaldeide?

A casa.

L’EPA consiglia di utilizzare prodotti in legno pressato “per esterni” per limitare l’esposizione alla formaldeide in casa. Questi prodotti emanano meno formaldeide perché contengono resine fenoliche, non resine ureiche. Prima di acquistare prodotti in legno pressato, inclusi materiali da costruzione, mobili e mobili, gli acquirenti dovrebbero chiedere informazioni sul contenuto di formaldeide di questi prodotti.

I livelli di formaldeide nelle case possono anche essere ridotti impedendo il fumo all’interno e garantendo un’adeguata ventilazione (utilizzare la ventola della stufa ad esempio), temperature moderate e livelli di umidità ridotti attraverso l’uso di condizionatori d’aria e deumidificatori.

Le persone che sono preoccupate per l’esposizione alla formaldeide da prodotti per la cura personale e cosmetici possono evitare di utilizzare prodotti che contengono o rilasciano formaldeide. Tuttavia, poiché la quantità di formaldeide rilasciata da questi prodotti è bassa, non è chiaro se ciò fornirà alcun beneficio per la salute.

La formaldeide può essere elencata sull’etichetta di un prodotto con altri nomi, come ad esempio:

  • Formalina;
  • Aldeide formica;
  • Metandiolo;
  • Methanal;
  • Metil aldeide;
  • Glicole metilenico;
  • Ossido di metilene.

Alcune sostanze chimiche utilizzate come conservanti possono rilasciare formaldeide, come:

  • Benzylhemiformal;
  • 2-bromo-2-nitropropan-1,3-diolo;
  • 5-bromo-5-nitro-1,3-diossano;
  • Diazolidinil urea;
  • 1,3-dimetilol-5,5-dimetilidantoina (o idantoina DMDM);
  • Imidazolidinil urea;
  • Idrossimetilglicinato di sodio;
  • Quaternium-15.

La formaldeide nei luoghi di lavoro.

La US Occupational Safety and Health Administration (OSHA) ha stabilito limiti per la quantità di formaldeide a cui i lavoratori possono essere esposti sul posto di lavoro. Attualmente il limite è di 0,75 ppm in media su una giornata lavorativa di 8 ore. La concentrazione più alta a cui un lavoratore può essere esposto è di 2 ppm e può verificarsi solo in 15 minuti. I datori di lavoro devono monitorare i livelli di formaldeide e fornire respiratori e indumenti protettivi secondo necessità per limitare l’esposizione. Ciò include i lavoratori in qualsiasi luogo di lavoro in cui è probabile l’esposizione alla formaldeide, compresi i parrucchieri che utilizzano prodotti commerciali per lisciare i capelli che rilasciano formaldeide.

Bibliografia e sitografia:

  • Archivio AssoCareNews.itLINK;
  • American Cancer Society – FormaldehydeLINK.

Leggi anche:

Formaldeide. Gas velenoso, antisettico, disinfettante, fissativo istologico e reagente chimico di laboratorio.

L’articolo Formaldeide. Un gas da gestire con parsimonia e oculatezza. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *