emittente-televisiva-dal-1984-tg-streamingmiasmi-noce-mattei:-scatta-sopralluogo-in-discarica.-convenzione-alla-firma-per-monitoraggio-–-emittente-televisiva-–-canale-90-dt

Emittente televisiva dal 1984 tg streamingMiasmi Noce Mattei: scatta sopralluogo in discarica. Convenzione alla firma per monitoraggio – Emittente Televisiva – Canale 90 DT

Letture: 71

SULMONA – Sopralluogo congiunto di Arta e Asl nella discarica di Noce Mattei al fine di esaminare il sito e predisporre quanto necessario per il monitoraggio della qualità dell’aria. I controlli sono volti ad esaminare l’entità e l’origine dei miasmi nell’area di Noce Mattei, a Sulmona, dopo le tante polemiche “sprigionate” dalla discarica. A richiederli è stato lo stesso Comune, che li finanzierà pure. Nei giorni scorsi è stato quindi eseguito il primo sopralluogo, propedeutico allo studio vero e proprio. Intanto è alla firma la convenzione tra Arta e Comune di Sulmona per dare il via libera ufficiale al monitoraggio.«Il Comune di Sulmona, tenuto conto delle numerose segnalazioni di molestia olfattiva da parte di cittadini ivi residenti, ha richiesto all’Arta l’effettuazione di una campagna di rilievi finalizzata ad identificare e caratterizzare le sorgenti di emissione odorigene presenti sul territorio comunale e, in particolare, nella località “Noce Mattei”», si legge nell’atto di bozza, che continua: «È stato stabilito di procedere all’effettuazione delle indagini ambientali attraverso l’impiego di: modelli statistici di ricaduta degli inquinanti aerodispersi; campionamento ed analisi delle emissioni odorigene dalle sorgenti emissive ritenute potenzialmente rilevanti; determinazioni olfattometriche eseguite da un laboratorio accreditato». Come messo nero su bianco dall’Arta, con delibera interna, si è concordato, altresì, che le attività di monitoraggio e di studio del fenomeno odorigeno avranno durata di 12 mesi che l’Agenzia, al termine dei rilievi, tramite apposito elaborato tecnico, fornirà i risultati della campagna di monitoraggio, analizzando le criticità riscontrate e proponendo l’adozione di eventuali misure per la mitigazione dell’impatto odorigeno.Da qui l’accordo economico:«L’amministrazione comunale di Sulmona provvederà a corrispondere all’Arta l’importo complessivo di 15mila euro Iva compresa, che include le spese per il materiale di consumo, i costi sostenuti dall’Agenzia per l’effettuazione delle analisi presso laboratorio accreditato, nonché un contributo per la manutenzione ordinaria delle apparecchiature».

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.