emily-ratajkowski-tiene-in-braccio-il-figlio:-e-polemica-sui-social

Emily Ratajkowski tiene in braccio il figlio: è polemica sui social

Emily Ratajkowski è finita nel mirino degli haters per uno scatto in cui è ritratta mentre tiene in braccio suo figlio, Sylvester Apollo Bear, di soli 3 mesi.

Emily Ratajkowski: la polemica per la foto del figlio

Sui social si è scatenata una vera e propria bufera contro Emily Ratajkowski, che ha postato una serie di scatti in cui la si vede tenere in braccio suo figlio, Sylvester Apollo Bear, in bikini. Il giudice di America’s Got Talent, Piers Morgan, ha postato un tweet al veleno in cui ha scritto: “Non è così che si tiene un bambino in braccio.

I tuoi milioni di follower non dovrebbero essere incoraggiati a fare lo stesso. Felice di darti alcuni consigli se ne hai bisogno.” Come lui moltissimi altri hanno preso di mira la famosa modella, accusandola di non aver tenuto in braccio il bambino in modo corretto. Emily Ratajkowski, da sempre poco incline ad ascoltare i giudizi altrui, ha preferito non replicare ma ha tolto la possibilità di commentare il post incriminato.

Emily Ratajkowski: la maternità

Da circa 3 mesi la modella ha trovato la felicità come madre del piccolo Sylvester “Sly” Apollo, primo figlio avuto insieme al marito Sebastian Bear McClard. La modella ha dichiarato di essere più felice che mai di poter finalmente stringere tra le sue braccia il suo bambino (di cui, fino alla nascita, aveva preferito non svelare il sesso o il nome).

Emily Ratajkowski: il fisico bollente

Ad appena 3 mesi dalla nascita del suo bebè la modella è tornata a sfoggiare un fisico a dir poco perfetto e in tanti, sui social, sono rimasti increduli difronte alla sua forma fisica. Qualcuno non ha mancato di criticare Emily Ratajkowski per i suoi scatti bollenti a pochi mesi dal parto perché rappresenterebbe un modello “inarrivabile” per moltissime neo-mamme alle prese con il post-parto. Persino Chiara Ferragni si è detta incredula difronte al fisico perfetto della modella.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *