elogio-di-la-russa,-che-alla-noia-dei-senatori-preferisce-(giustamente)-la-gazzetta-dello-sport

Elogio di La Russa, che alla noia dei senatori preferisce (giustamente) la Gazzetta dello Sport

Roma, 29 lug – Oltre a essere simpaticissimo, Ignazio La Russa è un politico di lungo corso, che attualmente ricopre la carica di vicepresidente del Senato. E però, come tutti sanno, è anche un tifoso sfegatato dell’Inter. Sarà forse per questa sua passione per la Beneamata che La Russa, ieri, aveva in Aula la Gazzetta dello Sport. Com’era facile aspettarsi, il video è diventato presto virale sui social, con l’arco costituzionale del bigottismo che è subito insorto, accusando Ignazio di scarsa serietà e mancanza di rispetto verso gli altri senatori.

Ignazio nazionalpopolare

Ma si tratta di un errore di prospettiva: tenendo sul banco la rosea, il vicepresidente del Senato ha lanciato eccome un messaggio politico. E cioè che questa politica di bacchettoni non solo non è seria, ma non è neanche interessante. La Gazzetta dello Sport e il calciomercato, invece, sì che lo sono. Rimarcando la noia mortale che si respira in quell’«aula sorda e grigia» (visti i titoli di Repubblica e Domani, la citazione è doverosa), Ignazio ha mostrato che cosa vuol dire avere un’anima nazionalpopolare. Anche perché la stragrande maggioranza degli italiani preferisce appunto il calciomercato alle vuote promesse elettorali dei soliti tromboni sfiatati.

Leggi anche: La Russa ci scrive: «Il conservatorismo? Così vinciamo la guerra delle parole»

Per rintuzzare le facili (e barbose) obiezioni, ci tengo a precisare che Ignazio, ieri, non stava certo in Senato a grattarsi la pancia. E, anzi, ha pure risposto per le rime alle vecchie zie di Palazzo Madama: «Non leggevo la Gazzetta dello Sport», ha dichiarato La Russa al Corriere della Sera. «Avevo la mazzetta di cinque giornali sul tavolo. Leggo prima di entrare in Aula e nelle pause dei lavori. È vietato tenere sul banco i quotidiani?». E ancora: «Dovrebbero farmi una statua gli editori visto che sono uno dei pochi che ancora oggi acquista almeno 5 giornali». Ignazio ha ragione da vendere ma, come si diceva, non è questo il punto: La Russa ha dimostrato di essere lontano anni luce dal mondo delle auto blu (anche se le usa), e molto più vicino al popolo che rappresenta. Che, infatti, sotto l’ombrellone legge la Gazzetta e non ne può più di sentirsi i soliti predicozzi della Boldrini.  

Il video di La Russa con la Gazzetta dello Sport

Valerio Benedetti

L’articolo Elogio di La Russa, che alla noia dei senatori preferisce (giustamente) la Gazzetta dello Sport proviene da Il Primato Nazionale.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.