cede-l'altalena-all'oratorio,-bimba-di-12-anni-schiacciata-dalla-trave:-“non-si-puo-morire-cosi”-–-il-riformista

Cede l'altalena all'oratorio, bimba di 12 anni schiacciata dalla trave: “Non si può morire così” – Il Riformista

Niente da fare per la bambina

Vito Califano — 31 Agosto 2022

Cede l’altalena all’oratorio, bimba di 12 anni schiacciata dalla trave: “Non si può morire così”

Aveva solo 12 anni e stava giocando sull’altalena dell’oratorio. Quando l’altalena si è staccata non ha avuto scampo. È morta oggi, una bambina ad Avezzano, poco dopo il ricovero. Sulla tragedia, che ha sconvolto la comunità marsicana, la Procura della Repubblica ha aperto un’inchiesta coordinata dal pm Maurizio Maria Cerrato. Le indagini sono affidate ai carabinieri che sono intervenuti sul posto e che hanno raccolto le varie testimonianze.

C’erano anche altri bambini nel parco al momento del cedimento nell’oratorio parrocchiale di San Pelino, frazione del comune di Avezzano, in provincia de L’Aquila. La struttura è crollata addosso alla bambina per causa ancora da chiarire. A soccorrerla sono intervenuti prima un infermiere che si trovava sul posto – “La bambina era ancora viva, ma le sue condizioni sono apparse subito disperate ed è stata immediatamente intubata”, ha spiegato -, poi i sanitari del 118. La piccola è stata trasportata in elisoccorso all’ospedale di Avezzano ma è morta poco dopo il ricovero. Troppo gravi le ferite riportate.

Per ricostruire la dinamica esatta della tragedia, avvenuta questo pomeriggio intorno alle 18:00, i militari stanno proseguendo con gli interrogatori.  Fatale, secondo le prime ricostruzioni, il colpo che la bambina ha preso dalla trave in legno che si è spezzata. La struttura a quanto pare fatiscente, composta da due travi di legno verticali, che si sono spezzate, è stata sequestrata. Interrogati anche i responsabili dell’oratorio, frequentato ogni pomeriggio da ragazzini. Da accertare chi abbia montato l’altalena e se fosse stata messa in sicurezza e autorizzata all’utilizzo.

“Ho appena appreso della tragica notizia che ha colpito la comunità di San Pelino – ha dichiarato il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio – Morire a dodici anni è difficile da spiegare e da accettare. A nome mio personale e dell’intera Giunta regionale sono vicino ai familiari della bambina in questo tragico momento”.

Cordoglio e incredulità nella comunità. Migliaia i post sui social che definiscono questa morte inaccettabile, una tragedia assurda che non doveva semplicemente succedere. Quella della 12enne è l’ultima tragedia che questa estate ha colpito una vita giovanissima. Come quella di Lavinia, la piccola napoletana di sette anni schiacciata a Monaco di Baviera, in Germania, da una statua mentre giocava in giardino. Era in vacanza con la famiglia.

Giornalista. Ha studiato Scienze della Comunicazione. Specializzazione in editoria. Scrive principalmente di cronaca, spettacoli e sport occasionalmente. Appassionato di televisione e teatro.

© Riproduzione riservata

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.