blinken-arriva-in-europa.-preparativi-per-l’incontro-biden-francesco?

Blinken arriva in Europa. Preparativi per l’incontro Biden-Francesco?

Dopo aver accompagnato il presidente Joe Biden nel suo primo viaggio nel Vecchio continente per il G7 di Carbis Bay, il summit Nato e gli incontri con i vertici europei a Bruxelles e il faccia a faccia con l’omologo russo Vladimir Putin a Ginevra, la prossima settimana Antony Blinken, segretario di Stato statunitense, sarà di nuovo in Europa.

PRIMO STOP: GERMANIA

Prima tappa a Berlino, dove atterrerà martedì 22 giugno, per la seconda conferenza sulla Libia che si terrà il giorno successivo. Il capo della diplomazia statunitense, che nelle ultime ore ha sentito telefonicamente l’omologa libica Najla Al-Mangoush, ribadirà, ha spiegato il dipartimento di Stato in una nota, “il sostegno alle elezioni nazionali nel dicembre prossimo e al ritiro delle forze straniere” (leggasi russe, turche ed emiratine). Incontrerà la cancelliera Angela Merkel e il ministro degli Esteri Heiko Maas per riaffermare l’importanza delle relazioni tra Stati Uniti e Germania nell’affrontare sfide e priorità comuni. A margine della Conferenza sulla Libia, vedrà i leader libici e altri leader stranieri per discutere su argomenti di interesse reciproco. A Berlino, il segretario Blinken e il ministro Maas sottolineeranno l’impegno comune dei due Paesi nel combattere l’antisemitismo, le distorsioni e il negazionismo dell’Olocausto e a trovare metodi innovativi per migliorare la conoscenza dell’Olocausto.

SECONDO STOP: FRANCIA

Il 25 giugno a Parigi il segretario Blinken incontrerà il presidente Emmanuel Macron e il ministro degli Esteri Jean-Yves Le Drian per approfondire le forti relazioni tra Stati Uniti e Francia, evidenziare i nostri valori condivisi e discutere le aree di cooperazione, tra cui la sicurezza globale e la ripresa dalla pandemia, spiega la nota. Il segretario incontrerà anche Mathias Cormann, segretario generale dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, per discutere le principali priorità economiche, la tassazione internazionale e la presidenza degli Stati Uniti della riunione ministeriale di ottobre, nel suo 60° anniversario.

TERZO STOP: ROMA

Il segretario Blinken sarà poi a Roma, dove vedrà il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e assieme presiederanno un incontro della Coalizione globale anti Isis. A margine dell’incontro, Blinken parteciperà a una riunione ministeriale sulla Siria per discutere della crisi nel Paese e sottolineare l’importanza di rispondere adeguatamente ai bisogni umanitari. Poi un incontro con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e un bilaterale con il ministro Di Maio per sottolineare l’importante ruolo della partnership tra i due Paesi nell’affrontare le principali priorità globali.

QUARTO STOP: VATICANO

Il capo della diplomazia statunitense visiterà anche la Città del Vaticano, dove incontrerà alti funzionari della Santa Sede per sottolineare l’impegno comune per le libertà di credo e di religione e nell’affrontare la crisi climatica. E non è escluso che questo incontro possa spianare la strada anche a un prossimo incontro nelle prossime settimane tra papa Francesco e il presidente Biden, coinvolto nel confronto nella Chiesa americana sulla comunione a quei politici che pur non scegliendo l’aborto ritengono giusto consentire la scelta ai cittadini.

QUINTO E SESTO STOP: BARI E MATERA

Infine, a Bari e Matera, il segretario Blinken si unirà agli altri ministri degli Esteri nel partecipare alla riunione ministeriale Esteri del G20, per rafforzare l’impegno degli Stati Uniti a favore del multilateralismo e discutere della cooperazione costante nella lotta alla pandemia di Covid-19, nell’affrontare la crisi climatica e nel ricostruire relazioni migliori con i nostri partner globali, con particolare attenzione all’Africa.

AL SUO FIANCO L’AMBASCIATORE REEKER

Philip Reeker, assistente segretario per gli Affari europei ed eurasiatici già console generale a Milano, accompagnerà il segretario Blinken durante la sua settimana in Europa. Ma prima, dal 20 al 22 giugno, come comunicato dal dipartimento di Stato, sarà a Milano, dove incontrerà il sindaco Giuseppe Sala e parteciperà alla riunione annuale dell’American Chamber of Commerce in Italy guidata da Simone Crolla. Dopo Matera, il diplomatico sarà a Tirana, in Albania, e a Ocrida, in Macedonia del Nord, Paese in cui è stato ambasciatore dal 2008 al 2011.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *