biden-fa-marcia-indietro,-si-di-washington-ai-missili-a-medio-raggio-all’ucraina:-accolte-le-richieste-di-zelensky

Biden fa marcia indietro, sì di Washington ai missili a medio raggio all’Ucraina: accolte le richieste di Zelensky

Joe Biden fa una inversione a U sulle armi da inviare a Kiev. Il presidente degli Stati Uniti, che soltanto due giorni fa aveva sottolineato che il Paese non avrebbe inviato sistemi missilistici a medio raggio a Kiev, richiesta che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha ripetuto per settimane, dalle colonne del New York Times ha fatto marcia indietro annunciando la prossima fornitura di lanciarazzi dotati di missili a medio raggio.

Non vogliamo incoraggiare o permettere all’Ucraina di colpire obiettivi oltre i suoi confini”, ha scritto Biden nel suo articolo per il New York Times, spiegando di non voler prolungare la guerra “soltanto per infliggere dei danni alla Russia”. Ma il numero uno della Casa Bianca ha anche aggiunto che “se la Russia non pagherà a caro prezzo le sue azioni, altri eventuali aggressori riceveranno il messaggio che anche loro possono occupare e sottomettere altri paesi”.

Nel suo editoriale Biden ha sottolineato che Washington “non cerca una guerra tra Nato e Russia. Per quanto non sia d’accordo con Putin e trovi le sue azioni un oltraggio, gli Stati Uniti non cercheranno di rovesciarlo”, ha scritto il presidente americano, che ha ribadito come il Paese “non sarà direttamente coinvolto nel conflitto, inviando truppe americane a combattere in Ucraina né attaccando le forze russe”, finché gli stessi Stati Uniti o i Paesi alleati “non saranno attaccati” da Mosca.

La decisione di inviare missili a medio raggio a Kiev, disattendendo le sue dichiarazioni di pochi giorni fa, sarebbe arrivata dopo la rassicurazione da parte ucraina di non voler colpire obiettivi in Russia, secondo quanto riferito da un funzionario americano al Washington Post.

Ricostruzione confermata poi da una intervista di Zelensky all’emittente Usa Newsmax TV, in cui ha precisato che Kiev “non ha intenzione di attaccare la Russia. Non siamo interessati alla Federazione Russa. Non stiamo combattendo sul loro territorio”.

Quanto alle dotazioni missilistiche che l’amministrazione Biden invierà a Kiev, si stratta degli M142 Himars (High Mobility artillery rocket system): si tratta di un sistema missilistico che permette di lanciare dei Guided Multiple Launch Rocket System, o GMLRS, cioè dei missili in grado di colpire un obiettivo a circa 80 chilometri di distanza. Gli HIMARS permetteranno all’esercito ucraino “di colpire con maggiore precisione obiettivi chiave sul campo di battaglia”, ha scritto Biden sul New York Times.

L’articolo Biden fa marcia indietro, sì di Washington ai missili a medio raggio all’Ucraina: accolte le richieste di Zelensky proviene da Il Riformista.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.