bari-spal-2-2:-pari-e-rimpianti-per-i-biancorossi

Bari-Spal 2-2: pari e rimpianti per i biancorossi

Sfuma l’appuntamento con la prima vittoria in casa per il Bari, fermato sul 2-2 al San Nicola dalla Spal.

Ai biancorossi non è bastato il doppio vantaggio con cui avevano concluso il primo tempo grazie alle reti di Cheddira, in avvio, e di Antenucci, nel recupero. Nella ripresa c’è stato il ritorno degli ospiti, che hanno prima accorciato le distanze con La Mantia e poi trovato il 2-2 con il nuovo entrato Rabbi. 

Due punti persi, se si guarda alle tante occasioni che hanno avuto i giocatori del Bari. Da non sottovalutare il calo, fisico e di concentrazione accusato a metà del secondo tempo e la costante sofferenza della difesa sulle palle alte scodellate al centro dell’area. Diversi gli spunti su cui dovrà lavorare Mignani in vista della trasferta di sabato a Cosenza, dove il tecnico potrà contare anche sul nuovo acquisto Scheidler, oggi non disponibile.

Bari-Spal: la cronaca

Nella gara contro gli estensi, Mignani conferma 10 undicesimi della formazione titolare a Perugia. Seconda panchina di fila per Botta, sostituito da Bellomo. Prima stagionale per il reintegrato Mazzotta, al posto dello squalificato Ricci. Il Bari sblocca subito il punteggio: al 4′ Cheddira riceve il pallone al limite dell’area, protegge la sfera e serve Antenucci in profondità, il 7 biancorosso calcia ma colpisce il palo interno, sulla ribattuta si avventa lo stesso Cheddira che appoggia in rete a porta sguarnita. Terzo gol in campionato, ottavo in stagione per l’italo-marocchino. All’8′ ci prova la Spal: cross dalla destra di Dickmann, La Mantia stacca di testa ma non inquadra lo specchio di poco. Al 14′ pericoloso Folorunsho, su calcio di punizione di seconda dalla distanza, il tiro deviato da un elemento della barriera spallina per poco non beffa Alfonso, finendo in corner. Nuovamente vicinissimi al raddoppio i galletti con un’azione sull’asse Folorunsho-Cheddira, conclusa con il palo colpito dall’11 biancorosso. Ci prova anche la Spal: Dickmann al 22′, pallone largo alla sinistra di Caprile. Tentativo velleitario di Antenucci, subito dopo il cooling break, poi ci provano ancora gli ospiti con un sinistro di La Mantia dall’interno dell’area. Al 33′ Dalle Mura rischia tantissimo, contatto dubbio in area di rigore con Cheddira, per Rapuano è tutto regolare. Caprile si fa trovare pronto sul colpo di testa di Zanellato. Il raddoppio del Bari si concretizza al 2′ di recupero, con una rasoiata di Antenucci da fuori area, non esulta l’ex di lusso della sfida.

Subito un cambio dopo l’intervallo per Mignani: fuori l’ammonito Maita, sostituito da Benedetti. La prima opportunità della ripresa. per i padroni di casa che ci provano ancora con Anteucci dal limite dell’area, destro fuori non di molto alla sinistra di Alfonso. Al 53′ buona opportunità su calcio piazzato per i Galletti: ci prova Pucino col destro, pallone fuori di poco. Grande break di Valerio Di Cesare che salta due avversari e lancia Cheddira in profondità, solta Alfonso ma si defila troppo per battere a rete e viene chiuso in corner. Pericolosi gli ospiti con un calcio di punizione dal limite di Salvatore Esposito che non inquadra di poco lo specchio. La Spal accorcia la distanze al 65′ con una rovesciata di La Mantia. Troppo statica la difesa biancorossa, sorpresa dal pallone scodellato in area. Cheddira ha subito l’occasione di riportare i suoi avanti di due reti, ma il suo tiro al termine di un’azione di contropiede innescata da Antenucci, viene respinto in corner da Alfonso. Rivitalizzata dal gol, la Spal incredibilmente trova anche la rete del 2-2: il nuovo entrato Rabbi, su sponda di La Mantia, batte Caprile con un destro dal limite. La partita si accende: azione di rimessa del Bari, Antenucci arriva sul fondo ed effettua un traversone basso a ridosso dell’area piccola, Cheddira si avventa sulla sfera ma Meccariello salva in maniera provvidenziale. Doppio cambio per i biancorossi: a un quarto d’ora dalla fine dentro D’Errico e Mallamo per Folorunsho e Bellomo. Proprio D’Errico prova subito a mettersi in mostra con un’azione personale, convergendo da sinistra verso il centro e liberando il destro senza però inquadrare lo specchio. Mignani tenta il tutto per tutto all’80’ inserendo anche Cangiano e il debuttante Salcedo per Antenucci e Cheddira. Vicinissimo al 3-2 proprio Salcedo, che entra in area palla al piede e batte a rete da posizione defilata, Alfonso si oppone coi piedi. Cangiano spreca una buona opportunità calciando debole col destro dopo aver creato la superiorità sulla sinistra, ancora attento il portiere della Spal. Ci prova fino all’ultimo il Bari: Salcedo lavora un pallone per Cangiano che cede a D’Errico, la sua conclusione però è centrale, parata ancora dall’estremo difensore degli emiliani. Durante i 5′ di recupero ci prova Rauti con un destro dalla distanza, Caprile si rifugia in corner. È l’ultima opportunità della gara che si chiude sul punteggio di 2-2.

Bari-Spal: il tabellino

BARI (4-3-1-2): Caprile, Pucino, Di Cesare,  Terranova, Mazzotta; Maita (46′ Benedetti), Maiello, Folorunsho (76′ D’Errico); Bellomo (76′ Mallamo); Antenucci (Cangiano), Cheddira (Salcedo) A disp.: Frattali, D’Errico, Botta, Gigliotti, Salcedo, Galano, Zuzek, Bosisio, Dorval, Mallamo. All. Mignani.

SPAL (4-3-1-2): Alfonso; Dickmann, Dalle Mura (Varnier), Meccariello; Tripardelli; Tunjov (60′ Rabbi), Esposito, Proia (80′ Rauti); Zanellato (60′ Valzania); Finotto (79′ Prati), La Mantia. A disp.: Pomini, Thiam, Fiordaliso, Zuculini, Valzania, Celia, Puletto, Almici, . All. Venturato.

Marcatori: 4′ Cheddira (B), 45’+2 Antenucci (B), La Mantia (S), 

Note – ammoniti Dalle Mura, Dickmann, Meccariello (S), Maita, Bellomo (B). Cooling break al 23′ e al . Recupero: 6′ pt, 5′ st. 

Spettatori: 18.103 (7.582 abbonati, 105 tifosi ospiti)

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.