assegno-unico-su-rdc-in-pagamento-a-novembre:-sono-arretrati

Assegno unico su rdc in pagamento a novembre: sono arretrati

6‘ di lettura

L’assegno unico su Rdc in pagamento a novembre riguarda coloro che aspettano i pagamenti arretrati del sussidio e percepiscono il Reddito di cittadinanza. In questo articolo descriviamo tutti i dettagli (scopri le ultime notizie e poi Leggi su Telegram tutte le news sull’Assegno Unico. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Il 15 novembre 2022 sono partiti puntuali i pagamenti del Reddito di cittadinanza riferiti alla ricarica di metà mese. Subito dopo sono iniziate le lavorazioni per erogare l’integrazione dell’assegno unico sulla carta Rdc per coloro che ne hanno diritto. A segnalare questa notizia sono stati alcuni utenti che hanno visto la data di ieri, 16 novembre 2022, sul fascicolo personale del sito dell’INPS.

Ricordiamo che le date di accredito cambiano da persona a persona e vanno controllate periodicamente sul fascicolo previdenziale del cittadino, area riservata del sito INPS, accessibile tramite le credenziali digitali SPID, CIE o CNS.

Indice

Assegno unico su Rdc in pagamento: per chi

Come anticipato in apertura dell’articolo, alcuni cittadini che percepiscono l’integrazione del Reddito di cittadinanza per figli a carico hanno visto l’assegno unico su Rdc in pagamento a novembre nella loro area riservata del sito ufficiale INPS. In particolare, alcuni pagamenti sono partiti proprio ieri, mercoledì 16 novembre 2022.

Ma di che pagamenti si tratta? Questi accrediti dell’assegno unico su Rdc fanno riferimento alle mensilità precedenti a ottobre 2022. Ricordiamo infatti, che a differenza dell’assegno con domanda, l’integrazione sulla carta Rdc si riferisce sempre al mese precedente, quindi alla fine di novembre arriverà l’importo di ottobre, mentre alla fine di dicembre arriverà la mensilità di novembre.

Invece, il pagamento erogato dopo la ricarica di metà mese del Reddito di cittadinanza, e quindi dopo il 15 del mese, corrisponde solo ed esclusivamente agli arretrati, per esempio a settembre, agosto o addirittura nei mesi precedenti. Infatti, per alcune persone che hanno visto la disposizione di pagamento dell’assegno su Rdc in data 16 novembre 2022 l’importo fa riferimento al mese di luglio!

Quindi, se rientri tra i nuclei familiari in attesa di mensilità arretrate dell’assegno unico su Rdc, sappi che potresti avere l’accredito che ti spetta proprio in questi giorni. Inoltre, è importante ricordare che le date cambiano da persona a persona e quindi non è detto che riceverai i soldi nello stesso giorno degli altri cittadini, ma potresti riceverlo leggermente dopo. Ecco perché consigliamo di monitorare costantemente il fascicolo previdenziale del cittadino per togliersi ogni dubbio in merito alle date di accredito.

Scopri la pagina dedicata all’Assegno unico per conoscere altri diritti e agevolazioni.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news sull’Assegno Unico e i bonus per famiglia ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Assegno unico su Rdc in pagamento: quando arriva quello di ottobre

Nel paragrafo precedente abbiamo rivolto la nostra attenzione all’assegno unico su Rdc in pagamento a partire da ieri, 16 novembre 2022, per coloro che sono in attesa degli arretrati precedenti a ottobre 2022. Tra le persone in attesa potrebbero esserci per esempio le famiglie che hanno compilato il modulo Rdc com au (anche se per loro gli arretrati potrebbero arrivare anche a febbraio 2023), oppure che hanno avuto problemi dal punto di vista della documentazione e non si sono visti erogare i pagamenti spettanti.

Invece, chi non deve ricevere alcuna mensilità arretrata dovrà aspettare la fine del mese per l’erogazione della mensilità di ottobre 2022. In particolare, ricordiamo che l’accredito dell’assegno unico su Rdc riferito a ottobre arriverà dopo la ricarica ordinaria del Reddito di cittadinanza, ossia dopo il 25 o il 28 novembre.

Queste due opzioni possibili si devono al fatto che il contributo anti-povertà viene generalmente pagato il 27, ma nel caso di novembre questa data capita di domenica, e cioè quando gli uffici postali che si occupano dei pagamenti sono chiusi. Di conseguenza, quando ci si trova davanti a tali situazioni, la ricarica viene anticipata o posticipata. Visto che l’accredito dell’assegno unico su Rdc segue quello del Reddito di cittadinanza, è molto probabile che in soldi arrivino dopo venerdì 25 novembre oppure direttamente dopo lunedì 28 novembre 2022.

In ogni caso, Poste Italiane ha tempo fino all’ultimo giorno utile del mese per erogare i pagamenti dovuti ai cittadini, quindi se non vedi fin da subito la disposizione di accredito non c’è bisogno di andare in panico: potresti riceverlo anche il 30 novembre.

Anche in questo caso, come per l’integrazione riferita agli arretrati, è sempre bene tenere d’occhio il fascicolo previdenziale per avere la certezza di quando si verrà pagati. Nel prossimo paragrafo facciamo un breve riepilogo della procedura per controllare il saldo dell’assegno unico su Rdc in pagamento.

Leggi le tabelle con tutti gli importi dell’assegno unico, controlla se ti stanno pagando tutte le maggiorazioni dell’assegno universale, vedi come funziona per chi è disoccupato e come cambiano le cifre dell’assegno unico con i figli con disabilità

Assegno unico su Rdc in pagamento: come controllare l’importo

Nel corso di questo approfondimento abbiamo menzionato più volte l’importanza di controllare il fascicolo previdenziale del sito INPS per vedere quando arriverà l’assegno unico su Rdc in pagamento. Questa sezione del sito, tuttavia, è comoda anche per capire quanto si verrà pagati e se l’importo indicato è giusto o ci sono anomalie. Per questo motivo, ci sembra utile ricordare brevemente come si fa a controllare il saldo dell’assegno unico.

Dunque, la procedura è piuttosto semplice: innanzitutto devi entrare nel sito ufficiale dell’INPS e accedere alla tua area riservata in cui sono presenti tutte le prestazioni economiche erogate dall’Istituto di previdenza sociale (assegno universale, Rdc, ANF, bonus vari); per farlo è necessario essere in possesso delle credenziali digitali, in particolare una di queste:

  • SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale);
  • CIE (Carta d’Identità Elettronica);
  • CNS (Carta Nazionale dei Servizi).

Una volta nella tua area personale ti ritroverai davanti una tabella che include tutte le informazioni relative all’assegno universale, come la data di pagamento, l’importo spettante e il numero dei figli per cui viene erogato.

Se invece non hai dimestichezza con gli strumenti informatici, ti ricordiamo che puoi sempre affidare a enti convenzionati come CAF (Centri di Assistenza Fiscale) o patronati, che eseguiranno la procedura al posto del cittadino interessato. In alternativa, potrai anche rivolgerti al Contact Center dell’INPS chiamando il numero 803 164 da rete fissa gratuitamente oppure 06 164 164 da rete mobile a pagamento.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno unico:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram – Gruppo esclusivo
  2. WhatsApp – Gruppo base


Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram

Come funzionano i gruppi?


  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie


Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.