ancora-bonus-sociali-e-sconti-in-bollette:-verso-il-2023

Ancora bonus sociali e sconti in bollette: verso il 2023

6‘ di lettura

Si parla ancora di bonus sociali e di sconti in bolletta, soprattutto ora che è stato dato l’ok al nuovo decreto energia (il decreto legge aiuti quater) e che si attende la nuova Legge di Bilancio 2023. Andiamo a vedere cosa succederà in questi mesi (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice:

Bonus sociali, quali sono le idee del governo Meloni

Il decreto aiuti quater è stato approvato proprio nella giornata di ieri 10 novembre 2022 ed è chiamato da tutti il “decreto energia”, poiché al suo interno contiene delle misure in sostegno a famiglie e imprese per affrontare la crisi energetica in atto.

All’interno del documento troviamo misure che riconoscono dei sostegni a parziale compensazione delle spese sostenute, oltre che dei contributi straordinari come crediti di imposta pari a una quota delle spese sostenute per l’acquisto di energia elettrica e gas naturale.

Leggi anche: Legge di Bilancio 2023: Rdc, Quota 102, fisco. Cosa ci sarà?

Ma non è tutto poiché si parla anche di una proroga della riduzione delle aliquote di accisa su benzina, gasolio, GPL e gas naturale che sono utilizzati come carburanti, fino alla fine dell’anno corrente e per il gas naturale si parla di una riduzione dell’iva fino al 5%.

Stiamo parlando, nello specifico, di uno sconto pari a 0.30 euro a pompa, che dovrebbe scadere il prossimo 18 novembre 2022, ma che è stato prorogato fino alla fine dell’anno corrente.

Leggi anche: Rdc, tasse, bonus: cosa cambia con la manovra finanziaria?

In ogni caso, la quasi totalità delle misure del nuovo decreto energia è volta a contrastare gli aumenti dei prezzi per l’energia, compreso uno strumento che dia la possibilità, in questo caso alle imprese, di rateizzare gli oneri per l’energia elettrica. Andiamo, ora, a scoprire in cosa consisterà il potenziamento dei bonus sociali e quali misure saranno approvate in Legge di Bilancio 2023.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Bonus sociali e caro energia, le novità in Legge di Bilancio

Passiamo, ora, ai bonus sociali e al caro energia in Legge di Bilancio. Nella manovra per il prossimo anno l’esecutivo Meloni ha intenzione di inserire ben 21 miliardi destinati a contrastare la crisi energetica e a favorire le politiche di contenimento dei consumi e del risparmio energetico.

In particolare, nella Legge di Bilancio per l’anno 2023 troveremo sicuramente le seguenti misure:

  • dei crediti di imposta in favore delle imprese per l’acquisto di energia e gas – si tratta di bonus fiscali;
  • contenimento degli oneri generali di sistema per le utenze di energia elettrica e gas – questo mediante delle riduzioni in bolletta;
  • proroga delle agevolazioni tariffarie per i consumi elettrici e gas degli utenti domestici in condizione di disagio economico – dunque, la proroga dei bonus sociali.

Insomma, possiamo tirare un sospiro di sollievo perché il governo Meloni, non solo ha deciso di approvare i bonus sociali per il 2023, ma ha anche deciso di potenziarli. Vediamo insieme in cosa consisterà il potenziamento dei bonus sociali e quali sono, ad oggi, i requisiti.

bonus sociali bollette
bonus sociali bollette 2023

Bonus sociali, potenziamento previsto nel 2023

Nella Legge di Bilancio 2023, dunque, sarà previsto un rafforzamento dei bonus sociali in bolletta, o almeno, è quanto affermato dal ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti che ha ammesso anche di aver avviato uno studio per la valutazione di un possibile rafforzamento del sostegno.

In cosa consisterebbe questo rafforzamento? Giorgetti parla di staccare i bonus sociali dal parametro dell’ISEE, rendendolo utilizzabile da tutte le persone in difficoltà economica. Ancora non sono chiare le soglie ISEE e i parametri che si vorranno attuare, dunque, per avere maggiori indicazioni a riguardo occorre attendere qualche informazione in più sulla prossima Manovra di Bilancio.

Leggi anche: Legge di Bilancio 2023, pochi soldi: dove li troveranno?

In ogni caso, ad oggi, quali sono i requisiti per ottenere i bonus sociali o sconti in bolletta? Vediamoli subito insieme.

Partiamo ricordando che i sostegni in bolletta potranno essere richiesti dai cittadini che versano in condizione di disagio economico, che hanno un ISEE entro gli 8.265 euro, soglia che per il 2022 è stata incrementata fino a 12 mila euro, oppure appartengono ad un nucleo familiare numeroso, in cui siano presenti almeno quattro figli a carico e con un ISEE massimo di 20 mila euro.

Leggi anche: Dai bonus sociali ai 150 euro: gli aiuti anti-inflazione

In alternativa, i bonus sociali potranno essere richiesti dai titolari di reddito e di pensione di cittadinanza (in realtà spettano ai percettori PdC e RdC in automatico). Cosa serve per richiedere i bonus sociali in bolletta? Secondo ARERA, almeno un componente della famiglia dovrà risultare intestatario di un contratto di fornitura di gas naturale, idrica o elettrica. Questa dovrà avere una tariffa per usi domestici, quindi servire locali adibiti ad abitazioni a carattere familiare, oppure per il bonus idrico, per uso domestico residente.

Leggi anche: Bollette del gas, prezzi in calo: ma dura poco

La fornitura in questione dovrà essere attiva, con l’erogazione in corso, oppure sospesa temporaneamente per morosità. Si legge, poi, sul sito dell’Ente che:

in alternativa, uno dei componenti del nucleo familiare ISEE deve usufruire, in locali adibiti ad abitazioni a carattere familiare, di una fornitura condominiale (centralizzata) di gas naturale e/o idrica per uso civile e attiva.”

Per godere dei bonus sociali in bolletta occorrerà rispettare questo semplice requisito, chiamato anche vincolo di unicità. Secondo lo stesso ogni famiglia può aver diritto a un solo bonus per tipologia, dunque, elettrico, idrico o di gas naturale, per l’anno di competenza della stessa DSU. Cosa significa? Semplice, che per il 2022 una famiglia ha diritto ad un solo bonus idrico, un solo bonus elettrico e un solo bonus per il gas naturale.

Leggi anche: Quanto consumano gli elettrodomestici spenti?

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram – Gruppo esclusivo
  2. WhatsApp – Gruppo base


Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram

Come funzionano i gruppi?


  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie


Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.