a-chi-spetta-la-tredicesima-aggiuntiva-del-governo-meloni

A chi spetta la tredicesima aggiuntiva del Governo Meloni

4‘ di lettura

La tredicesima aggiuntiva è una delle novità previste nel Decreto Aiuti quater: scopriamo di cosa si tratta (leggi su Telegram tutte le news sul lavoro domestico. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Tredicesima aggiuntiva: di cosa si tratta?

Il Decreto Aiuti quater, il primo emanato dal Governo Meloni dopo i precedenti tre entrati in vigore durante l’esecutivo Draghi, porterà in dote pure la tredicesima aggiuntiva.

Attenzione: non dobbiamo confondere la tredicesima mensilità, che verrà erogata a dicembre a lavoratori dipendenti e pensionati, con la tredicesima aggiuntiva prevista nel Decreto Aiuti quater.

In tanti confondono le due prestazioni, colpa anche del nuovo Premier che, nel tentativo di semplificare la misura denominandola “tredicesima aggiuntiva”, ha causato un malinteso che potrebbe generare altro malcontento.

Con tredicesima aggiuntiva intendiamo il bonus busta paga introdotto dal Decreto Aiuti bis per fare fronte al caro energia e all’aumento delle spese. Con il Decreto Aiuti quater il valore annuo massimo è stato portato fino a 3.000 euro, rispetto ai 600 euro previsti attualmente.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

L’innalzamento dei cosiddetti fringe benefit che i datori di lavoro corrispondono ai loro dipendenti sale, dunque, dai 600 euro attuali ai 3.000 euro. I datori di lavoro non si faranno carico delle tasse.

Nei prossimi paragrafi vedremo insieme chi può ricevere la tredicesima aggiuntiva e se ci sono dei requisiti particolari da rispettare.

Aggiungiti al gruppo Telegram sul lavoro domestico ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Tredicesima aggiuntiva: perché non va confusa con la tredicesima?

Con il Decreto Aiuti quater, il Governo Meloni ha prestato un occhio di riguardo ai lavoratori dipendenti, approvando una tredicesima aggiuntiva più corposa, innalzando il limite dei fringe benefit da 600 a 3.000 euro l’anno.

Vi abbiamo già detto che non bisogna confondere la tredicesima mensilità con la tredicesima aggiuntiva.

Mentre la tredicesima viene erogata di diritto ai lavoratori dipendenti, in aggiunta allo stipendio di dicembre (da qui il termine gratifica natalizia), la tredicesima aggiuntiva è una “sorta di tredicesima detassata per aiutare soprattutto i lavoratori a pagare le bollette”, come spiegato dal Premier Giorgia Meloni.

Quindi, la tredicesima mensilità è un diritto per il lavoratore e soprattutto un obbligo per il datore di lavoro, mentre la tredicesima aggiuntiva è a discrezione del datore di lavoro, che può riconoscere o meno l’intero valore di 3.000 euro l’anno.

Significa che questi può sia erogare l’intero contributo, sia limitarsi a erogare un importo inferiore, senza pagare tasse.

Tredicesima aggiuntiva
Tredicesima aggiuntiva: cos’è e a chi spetta?

Tredicesima aggiuntiva: conclusioni

Con il Decreto Aiuti quater si è andati semplicemente a modificare la soglia già rivista dal precedente Governo, che aveva portato l’estensione dei fringe benefit da 258,23 euro a 600 euro. Ora il limite è salito a 3.000 euro l’anno.

Per fringe benefit si intende quella tipologia di retribuzione aggiuntiva in busta paga, che comprende anche il rimborso per i costi sostenuti dal lavoratore dipendente per il pagamento delle bollette di gas, luce e acqua, entro un limite stabilito.

Spetta poi al datore di lavoro decidere se “premiare” o meno il proprio dipendente con una gratifica fino a 3.000 euro l’anno, senza pagare neppure un euro di tasse.

Il Governo Meloni, con la tredicesima aggiuntiva, ha voluto incentivare il datore di lavoro a concedere più contributi al dipendente, aiutandolo a limitare i danni dovuti all’inflazione, che ha causato un’importante diminuzione del potere d’acquisto degli stipendi, considerando l’aumento dei costi per l’energia e dei prezzi dei beni di prima necessità.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul bonus 150 euro:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram – Gruppo esclusivo
  2. WhatsApp – Gruppo base


Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram

Come funzionano i gruppi?


  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie


Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.